MMS503 – Winnie The Pooh and Piglet


Scheda Tecnica

Codice Ufficiale HT MMS503
Anno di Produzione 2018
Licenza ©2018 Disney.
Data di Rilascio Presunta seconda metà 2019
In Commercio Si
Scala 1/6
Misure 24 cm
Lista Accessori - 2 paia di occhiali da sole (1 per Pooh e 1 per Piglet)
- 1 vaso di miele magnetico
- 1 stand a dorma di tronco d'albero
Url Pagina Ufficiale Prodotto

Recensione

Winnie è un famoso orsacchiotto protagonista della letteratura per ragazzi, inventato da A. A. Milne. Inizialmente tradotto con il nome italianizzato Ninni Puf, è anche noto come Winnie Puh, Winny Puh, Winnie Pooh e Winnie-the-Pooh (con trattini): quest’ultima è la prima forma adottata dalla Disney, mentre la seconda era quella italiana Disney originale.

Winnie Pooh apparve per la prima volta nel romanzo omonimo, pubblicato il 14 ottobre 1926, e in seguito in altri lavori di Milne. Dopo la morte di Milne, i diritti sui personaggi della serie furono ceduti alla Walt Disney, che ha realizzato numerosi film d’animazione e cartoni animati che vedono protagonisti Pooh e altri personaggi di Milne. Winnie Pooh è attualmente una delle principali icone dell’universo di Disney e uno dei suoi personaggi più redditizi.

Winnie Pooh è un orso giallo (o più precisamente un orsacchiotto di pezza) che si occupa principalmente di mangiare miele e comporre poesie; vive in una vecchia quercia, e sulla sua porta è affisso un cartello con scritto “Mr. Sanders” (o meglio la più comune versione storpiata “Mr. Sanderz”); sebbene Winnie non risulti affatto chiamarsi “Sanders”, Milne osserva che Pooh abita “sotto il nome di Sanders”.
Il nome del personaggio deriva da quello di un orsacchiotto di pezza di Christopher, figlio di Milne. In principio, l’orsacchiotto di Christopher era chiamato “Edward” (nome a cui fa riferimento anche l’incipit del libro). In seguito, Christopher fu portato dal padre a visitare lo zoo di Londra, dove si trovava in quel periodo “Winnipeg”, un cucciolo d’orso che un ufficiale veterinario canadese di nome Colebourn aveva acquistato durante la prima guerra mondiale e poi donato allo zoo. L’animale era diventato rapidamente il beniamino dei bambini londinesi ed era stato ribattezzato “Winnie” per il suo buon carattere. Christopher Robin si entusiasmò a tal punto per quel cucciolo che volle tornare numerose volte allo zoo e alla fine ribattezzò Winnie il proprio teddy bear. Milne iniziò allora a raccontare al figlio fiabe della buonanotte che vedevano Winnie protagonista. Da queste fiabe ebbe origine il nucleo di narrazioni su cui poi Milne basò la propria fortunata opera.
Il nome Pooh, invece, sarebbe il nome di un cigno incontrato da Christopher in un’altra occasione. Nel primo capitolo di “Winnie-the-Pooh” Milne spiega perché Winnie the Pooh è spesso chiamato semplicemente “Pooh”.

Christopher Robin, in italia Ritorno al Bosco dei 100 Acri, è un film del 2018 diretto da Marc Forster.
Il film è ispirato al romanzo Winnie Puh di A. A. Milne ed è un adattamento in live action/CGI del franchise Disney su Winnie the Pooh. È interpretato da Ewan McGregor, Hayley Atwell e Mark Gatiss.
In questo film Christopher è adulto e deve affrontare dei problemi con la sua vita: la famiglia, il lavoro, la mancanza di denaro e l’inconsapevole perdita di immaginazione. Per questo interverranno i suoi vecchi amici immaginari dal Bosco dei 100 Acri.

A sorpresa Hot Toys decide di uscire dai canonici schemi e popone l’orsetto Winnie The Pooh: 24cm di peluche con un esoscheletro capace di assumere moltissime posizioni. Una mossa per acquisire nuovi clienti.
Questa versione incluse Piglet (Pimpi in italiano).
Pimpi è un personaggio del mondo immaginario di Winnie the Pooh. Si trova sia nei libri originali di A. A. Milne che nei cartoni animati e fumetti Disney, è un oritteropo o maialino di terra.
È molto dolce e sensibile, ed è molto amato dai bambini. Gli piace stare con il suo amico Winnie the Pooh, con cui gioca spesso all’aperto. Nella versione Disney si lamenta spesso della sua corporatura, e in una puntata della serie animata televisiva arriva persino a scappare dal Bosco dei cento acri proprio perché si sente inutile a causa della sua altezza, per poi ritornare accorgendosi che ci sono altri animali molto più piccoli di lui, come gli insetti, a cui riesce a dare il proprio aiuto.
Piglet è inoltre molto ansioso, abitudinario e spesso soffre di balbuzie ma soprattutto è spauroso; quando è molto spaventato tende a rifugiarsi sotto il suo letto. Vive da solo in un albero di ghiande all’interno del Bosco dei cento acri. È un maialino generoso con gli altri, ama dare una mano ai propri amici quando ne ha l’occasione ed è partecipe quando si tratta di aiutare qualcuno dimostrandosi più coraggioso di quanto non sia, per esempio ha fatto parte alla spedizione per ritrovare Cristopher Robin (in Winnie the Pooh alla ricerca di Christopher Robin), a quella per catturare l’efelante (in Winnie the Pooh e gli Efelanti) e l’Appresto (in Winnie the Pooh – Nuove avventure nel Bosco dei 100 Acri). Tuttavia non esita a contraddire le decisioni altrui.
Anche la versione in scala 1:6 ha l’esoscheletro simile a quello di Winnie per assumere le pose.

  • 39234771_10155690221012344_2913083189377368064_o
  • 37156800_10155690220912344_6379305222417678336_o
  • 39200150_10155690221282344_4683234839229366272_o
  • 39403747_10155690221242344_366810440669331456_o
  • 39221380_10155690221192344_1869609120898744320_o
  • 39408350_10155690221077344_8498115518425726976_o
  • 39199495_10155690220842344_2011161115442020352_o
  • 39239705_10155690220892344_377224847303901184_o
  • 39206357_10155690220877344_7826066038407036928_o
  • 39253399_10155690221047344_7676000559689629696_o
  • 39304937_10155690221057344_7825667847694057472_o
  • 39274653_10155690221147344_8643722219794464768_o
  • 39173292_10155690221392344_3264661635905617920_o
Ak1rA

About Josemanuel Adriani

Classe 1978, italo brasiliano, nato in provincia di Milano e cresciuto a Roma. Padre di due gnomi. Sperpera lo stipendio tra collezione di pupazzi, attrezzatura fotografica e viaggi fuori dall'Europa. Acquirente compulsivo all'inzio, poi raffina la scelta, decide di tenere e cercare unicamente oggetti che ricordano la sua infanzia. Non disprezza le costumizzazioni e gli accessori non ufficiali. Si cimenta in prima persona alle modifiche anche più radicali per rendere i modelli più simili ai personaggi dei film.