MMS315 – Nick Fury (Captain America: Winter Soldier)


Scheda Tecnica

Codice Ufficiale HT MMS315
Anno di Produzione 2015
Data di Rilascio metà/fine 2016
In Commercio Si
Scala 1/6
Misure 30,48 cm
Peso 1,81 kg
Punti di Articolazione 30
Lista Accessori 1* set di pugni
1* set di mani rilassate
1* set di mani che possono impugnare una pistola
1* pistola
1* cellulare
1* chiavetta usb
1* stand personalizzato con il nome della figure e il logo del film
Film Captain America: The Winter Soldier
Url Pagina Ufficiale Prodotto

Recensione

Nicholas Joseph “Nick” Fury Sr. è un personaggio dei fumetti, creato da Stan Lee (testi) e Jack Kirby (disegni) pubblicato dalla Marvel Comics. La sua prima apparizione avviene in Sgt. Fury and His Howling Commandos (Vol. 1) n. 1 (maggio 1963).

Agente segreto ed eroe dell’esercito statunitense, Fury ha esordito come leader mastica-sigaro di un commando temprato dalla durezza della seconda guerra mondiale per poi divenire un moderno agente della CIA e infine passare all’agenzia di spionaggio governativa denominata S.H.I.E.L.D. divenendone dapprima agente di punta e, successivamente, direttore. Nonostante la sua popolarità, le serie a lui dedicate hanno avuto breve durata negli anni sessanta e, da allora, Fury ha avuto raramente una sua serie personale; comparendo comunque come parte integrante della cosmogonia marvelliana attraverso frequenti apparizioni nelle testate di altri personaggi in qualità di capo dello S.H.I.E.L.D. e intermediario tra il governo degli Stati Uniti e i vari supereroi.

A partire dal 2012 il suo ruolo nell’universo Marvel è stato assunto dal figlio Nick Fury Jr., ispirato alla versione Ultimate ed alla controparte cinematografica del personaggio.

Il sito web IGN ha inserito Nick Fury alla 33ª posizione nella classifica dei cento maggiori eroi della storia dei fumetti, dopo Tim Drake e prima di Jesse Custer.

In piena Guerra Fredda, Fury lascia la CIA e diviene l’agente di punta del Supreme Headquarters International Espionage Law-enforcement Division (S.H.I.E.L.D.), agendo sotto il comando di una cabala composta da dodici individui misteriosi visti solo in collegamento video. Reclutato come suo secondo in comando il fido Dum Dum Dugan ed arruolati numerosi altri agenti conosciuti durante il periodo nella CIA, inclusa la Contessa Valentina Allegra de la Fontaine, grazie a Fury in breve tempo l’agenzia diviene la massima organizzazione di spionaggio dell’Universo Marvel, ed i suoi agenti collaborano costantemente con la comunità supereroistica e coi Vendicatori affrontando varie minacce soprannaturali e aliene nonché numerose organizzazioni terroristiche mondiali, prima tra tutte l’HYDRA (che a dispetto del maiuscolo non è un acronimo), fondata dal Barone Wolfgang von Strucker.

Dopo diversi anni tuttavia, Fury scopre l’Affare Deltite: ossia che centinaia di agenti dello S.H.I.E.L.D., tra cui anche i misteriosi alti vertici, sono stati rimpiazzati da sofisticati androidi Life Model Decoy Modello Delta (i Deltite) originariamente al servizio dell’HYDRA e successivamente divenuti senzienti sebbene l’uomo riesca ad assemblare un gruppo di agenti fidati con cui esporre e distruggere i suddetti androidi, il conflitto provoca numerosi danni al personale (tra i caduti figura anche “Happy Sam” Sawyer, intanto divenuto generale[24]) e alle infrastrutture dell’organizzazione che, di conseguenza, viene dapprima smantellata e successivamente ricostruita dallo stesso Fury con il nuovo acronimo di Strategic Hazard Intervention Espionage and Logistics Directorate[7] dicui diviene, appunto, il direttore.

Tempo dopo il Punitore viene catturato e inviato in una struttura di massima sicurezza con una scorta dello S.H.I.E.L.D. ma, durante una sessione ipnotica con Doc Samson, un criminale noto come Spook interviene per condizionare il Punitore facendogli credere che Nick Fury sia responsabile per il massacro della sua famiglia; motivo per il quale quest’ultimo evade e, apparentemente, uccide Fur, che viene sepolto al cimitero di Arlington. Sebbene successivamente si scopre che il Nick Fury ucciso dal Punitore fosse in realtà un modello estremamente avanzato di Life Model Decoy.

Ritornato a ricoprire la posizione di direttore dello S.H.I.E.L.D., Fury organizza indipendentemente e senza alcuna autorizzazione una guerra segreta in Latveria arruolando supereroi come Capitan America, Wolverine, l’Uomo Ragno, Luke Cage, Devil, la Vedova Nera e la sua protetta, Daisy Johnson. Sebbene tale azione riesca ad evitare un massivo attacco agli Stati Uniti d’America programmato da Latveria per l’anno successivo, come conseguenza per il suo gesto Fury viene rimosso dal comando dello S.H.I.E.L.D. e gli subentra Maria Hill.

Hot Toys realizza la nuova figure di Nick Fury, interpretato da Samuel L. Jackson, nel film targato Marvel: Captain America – Winter Soldier.

Due anni dopo la battaglia di New York, Steve Rogers vive a Washington, D.C., dove continua a lavorare per lo S.H.I.E.L.D. mentre cerca di adattarsi alla società moderna. Rogers e Natasha Romanoff vengono mandati insieme alla squadra S.T.R.I.K.E., guidata dall’agente Rumlow, a liberare alcuni ostaggi su una nave dello S.H.I.E.LD. presa d’assalto dal mercenario Georges Batroc. A bordo, Steve scopre l’agente Natasha Romanoff mentre preleva a sua insaputa dei file dai computer della nave. Tornato al quartier generale dell’agenzia, il Triskelion, Rogers chiede spiegazioni a Fury, che gli mostra il progetto Insight: tre Helicarrier collegati a satelliti spia e progettati per prevenire qualsiasi tipo di minaccia. Fury non riesce a decriptare i dati recuperati da Natasha e, insospettitosi, chiede ad Alexander Pierce, segretario generale dello S.H.I.E.L.D., di rimandare il progetto Insight.

Mentre va a incontrarsi con Maria Hill, Fury viene attaccato da alcuni uomini guidati da un misterioso assassino conosciuto come il Soldato d’Inverno. Fury riesce a fuggire e si nasconde a casa di Rogers. Dopo aver consegnato al soldato la chiave USB con i dati acquisiti a bordo della nave, Fury viene colpito a morte dal Soldato d’Inverno. Fury viene dichiarato morto poco dopo in ospedale. Il giorno seguente Capitan America viene convocato dal segretario generale dello S.H.I.E.L.D. Alexander Pierce. Quando si rifiuta di rivelare a Pierce delle informazioni su Fury, Rogers viene dichiarato nemico dello S.H.I.E.L.D. ed è costretto a fuggire. Braccato da S.T.R.I.K.E, Rogers si incontra con Natasha; grazie ai dati della chiave USB i due scoprono un bunker segreto dello S.H.I.E.L.D. sotto Camp Leigh, nel New Jersey, la base militare dove Rogers era stato addestrato durante la seconda guerra mondiale; là attivano un supercomputer contenente la coscienza di Arnim Zola, il quale rivela loro che sin dalla fondazione dello S.H.I.E.L.D, l’HYDRA si è segretamente infiltrata nell’organizzazione, spargendo il caos in tutto il mondo nella speranza che l’umanità si fosse arresa in cambio della sicurezza ed eliminando le possibili minacce come Howard Stark. Rogers e Romanoff riescono poi a sopravvivere a un missile lanciato contro il bunker dallo S.H.I.E.L.D., e capiscono che Pierce è il leader dell’HYDRA.

I due vanno a chiedere aiuto a Samuel Wilson, amico di Steve ed ex paracadutista della USAF e pilota della tuta alare “Falcon”. I tre interrogano l’agente Jasper Sitwell, in realtà membro dell’HYDRA, il quale rivela loro che Zola ha sviluppato un algoritmo capace di identificare gli individui che potrebbero in futuro opporsi ai piani dell’HYDRA. Grazie ai nuovi Helicarrier sarà possibile eliminare preventivamente questi individui con facilità. Rogers, Romanoff e Wilson vengono attaccati dal Soldato d’Inverno, che uccide Sitwell. Durante la battaglia Rogers scopre che il Soldato d’Inverno è in realtà Bucky Barnes, il suo migliore amico, catturato e sottoposto a crudeli esperimenti durante la seconda guerra mondiale. Il trio viene salvato da Maria Hill, che li conduce in un rifugio sicuro dove Fury, che aveva finto la sua morte, sta pianificando una missione per sabotare gli Helicarrier sostituendo i loro chip di controllo.

Al Triskelion giungono i membri del Consiglio Mondiale per la Sicurezza per assistere al lancio degli Helicarrier, e Steve comunica all’intera base S.H.I.E.L.D. il vero piano dell’HYDRA. La Vedova Nera, travestita da membro del Consiglio, disarma Pierce, il quale viene poi costretto da Fury a sbloccare il database dello S.H.I.E.L.D., in modo da poter rivelare al mondo intero i veri piani dell’HYDRA. Dopo una breve lotta Fury spara a Pierce, uccidendolo. Nel frattempo Rogers e Wilson attaccano gli Helicarrier e riescono a sostituire due dei tre chip, ma il Soldato d’Inverno distrugge l’armatura di Wilson e raggiunge Rogers sull’ultimo Helicarrier. Durante la lotta Rogers cerca di far tornare la memoria a Bucky e riesce a sostituire l’ultimo chip, permettendo così a Maria Hill di prendere il controllo e lasciare che i tre Helicarrier si distruggano a vicenda. L’Helicarrier su cui si trovano Rogers e il Soldato d’Inverno si schianta contro il Triskelion e Rogers cade nel fiume Potomac poco prima che l’Helicarrier si schianti al suolo. Il Soldato d’Inverno trascina fuori dall’acqua un Rogers privo di sensi e scompare nel bosco. Con lo S.H.I.E.L.D. compromesso Natasha compare di fronte a una commissione del Senato per dare spiegazioni e Fury, creduto morto, si dirige nell’Europa dell’est, alla ricerca delle restanti cellule dell’HYDRA. Maria Hill si reca a un colloquio per il settore risorse umane delle Stark Industries, mentre l’agente Rumlow viene ricoverato in ospedale a causa di gravi ustioni; Rogers e Wilson, decidono di andare alla ricerca del Soldato d’Inverno.

  • 11921689_1002622693133054_2068305611269195995_n
  • 11227917_1002622579799732_1152559227069414246_o
  • 11872306_1002622669799723_3372642335983089621_o
  • 11908906_1002622689799721_7135873645635653585_o
  • 11931008_1002622636466393_736282070233660870_o
  • 11947453_1002622606466396_5929010264067574288_n
  • 11951633_1002622763133047_5298042600965135696_o
  • 11951812_1002622576466399_1338295583369470377_n
  • 11952949_1002622586466398_369560439965710457_o
  • 11954820_1002622726466384_7160153764917964443_n
  • 11879167_1002622786466378_1536569645836755015_o
  • 11892303_1002622783133045_4220441987352891175_o
  • 11936990_1002622639799726_4179384820221273301_o
Ak1rA

About Josemanuel Adriani

Classe 1978, italo brasiliano, nato in provincia di Milano e cresciuto a Roma. Padre di due gnomi. Sperpera lo stipendio tra collezione di pupazzi, attrezzatura fotografica e viaggi fuori dall'Europa. Acquirente compulsivo all'inzio, poi raffina la scelta, decide di tenere e cercare unicamente oggetti che ricordano la sua infanzia. Non disprezza le costumizzazioni e gli accessori non ufficiali. Si cimenta in prima persona alle modifiche anche più radicali per rendere i modelli più simili ai personaggi dei film.